Gemini Man – Will Smith vs se stesso nel nuovo film di Ang Lee

Gemini Man – Will Smith vs se stesso nel nuovo film di Ang Lee

E se Will Smith si trovasse di fronte a… Will Smith? È quello che accade in Gemini Man, il nuovo film di Ang Lee in arrivo (finalmente) nelle sale italiane a partire dal 10 ottobre. Finalmente perché il racconto ha avuto non pochi ostacoli da sorvolare. La prima volta che ci fu l’idea di portare al cinema Gemini Man fu quando Walt Disney Pictures decise di affidare la regia a Tony Scott. Il film non entrò mai in produzione, nonostante ci furono diversi studio, come The Secret Lab, pronti a dimostrare il contrario. All’epoca la stessa società si attivò producendo un cortometraggio dal titolo Human Face Project, ma solo nel 2016 il film entrò ufficialmente in produzione. La Disney, con il passare degli anni, abbandonò il tutto; al suo posto, Skydance Media e Jerry Bruckheimer si presero la briga di portare avanti il progetto, con Ang Lee alla guida del comparto tecnico.

E ora, veniamo al presente.  Gemini Man vede come protagonista Henry Brogan, interpretato da Will Smith. L’uomo è un killer estremamente efficace. Basta segnalargli l’obiettivo, e il gioco è fatto. Con il passare gli anni però, Henry cerca di abbandonare un lavoro che inizia ad avere i suoi effetti sul suo corpo e la sua mente. Ma nel momento in cui ci prova, il colpo di scena. Davanti a lui, si trova un uomo della sua stessa levatura, ma con una particolarità piuttosto inquietante: è la sua versione più giovane. Questo vuol dire che sa tutto di lui, a partire dalle sue caratteristiche in campo strategico e militare. Dunque, come fare per sconfiggerlo?

Nel cast di Gemini Man troviamo Clive Owen nel ruolo di Clay Varris, Mary Elizabeth Winstead in quello di Danny, Benedict Wong nella parte di Baron, e infine Linda Emond in quella di Lassiter. Il film sarà distribuito da Walt Disney Company/ 20th Century Fox.

Il poster

Il trailer

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>