Brutti e cattivi: qualche curiosità, prima di vedere il film

Brutti e cattivi: qualche curiosità, prima di vedere il film

Oggi Brutti e cattivi sbarca nelle sale italiane. È un film coraggioso quello di Cosimo Gomez, che corre su una comicità cinica, sporca, scorretta. Ma divertente e spiazzante. Perché non è cosa da tutti i giorni avere a che fare con una storia che racconta di un gruppo di disabili (criminali per giunta) senza scivolare nel pietismo o nel dramma retorico. Una dark comedy che esplora la diversità in un film di rapine, amore e tradimenti, da godersi con qualche curiosità in tasca.

La sceneggiatura del film, per esempio, non è stata letta solo dagli addetti ai lavori, ma anche da veri disabili. Ricorda il regista: «Si sono divertiti molto. Hanno apprezzato l’idea di fuggire dallo stereotipo di colui che va ‘aiutato’ ed hanno amato l’idea del disabile ‘pericoloso’, armato di una pistola a tamburo, come il nostro Papero, l’uomo senza gambe protagonista del film».

Già, il Papero. Senza gambe. Figlio di una famiglia di circensi. Cinico, coatto, amante di Tex Willer e della “Magna Fregna”. E con un orribile riporto. Claudio Santamaria si è calato in un personaggio unico con un approccio metodico, passando due mesi sulla sedia a rotelle, con la testa rasata a zero. Del suo look, l’attore ricorda: «All’inizio il regista aveva pensato al personaggio del Papero coi capelli col riporto. Ho voluto fare delle altre prove, perché non volevo rasarmi, allora il parrucchiere mi ha tirato indietro i capelli e lui mi ha detto “Così stai bene, fico, sembri un biker, però è già visto. Il riporto è più offensivo”. Così mi ha convinto, con questa frase. E ho detto: ok, rasiamo».
La genesi e lo sviluppo del personaggio hanno richiesto più di un’attenzione: sul set, infatti, sono stati creati divani o letti bucati per far passare all’interno le vere gambe dell’attore. Una volta, invece, solo per stare seduto a terra, Santamaria ha dovuto infilarle in un tombino. Anche la sedia a rotelle ha richiesto una certa lavorazione: ne è stato preparato infatti un modello speciale, che nascondesse le gambe per avere, allacciate al corpo, le gambe finte realizzate in lattice.

La Ballerina, sua moglie, non è da meno. Eclettica, dall’abbigliamento molto ricercato, bionda come una Barbie. E senza braccia. Sara Serraiocco ci ha messo un anno a prepararsi al ruolo: «Mi sono documentata molto, ho visto tanti video su come mangiare, prendere gli oggetti, dipingere con i piedi, e su come i piedi vengono usati anche per esprimere delle emozioni, quindi anche nel parlare. C’è stato un grande lavoro sul corpo, sulla postura, perché senza braccia tutto il corpo agisce diversamente, non solo i piedi. Col regista abbiamo cercato di dare una chiave interpretativa a questa caratteristica». Uno studio che le ha consentito di presentarsi al primo incontro con Gomez dimostrando di saper fumare, mangiare, scrivere e truccarsi solo con i piedi. «Sono ancora colpito da come ha lavorato nel film, sempre con le mani legate dietro la schiena, con i trackpoint degli effetti digitali disegnati sulle spalle o costretta in abiti che le nascondessero le braccia».

 

E come dimenticare il Merda di Marco D’Amore. L’attore ha indossato lenti a contatto rosse per simulare la fattanza da tossico, e come fonte d’ispirazione per il rapporto con il Papero, ha individuato un testo teatrale di Samuel Beckett intitolato Finale di partita: «I protagonisti sono proprio un uomo in sedia a rotelle e il suo “braccio” che gli gira attorno. Seguendo questa direttiva ho capito quanto fosse importante sottrarre il testo al mio personaggio e quanto invece fosse molto più eloquente che si esprimesse solo attraverso il corpo, demandando al Papero di interloquire anche per lui».

Insomma, non è un film qualunque Brutti e cattivi. Per usare ancora le parole di D’Amore «è un’opera prima e quindi si porta dietro il rischio proprio di ogni esordio. In più racconta di un mondo che il cinema italiano non ha mai raccontato». 

Almeno non così, aggiungiamo noi.

Per maggiori informazioni: Brutti e Cattivi – Il sito ufficiale del film.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>