Natalie Portman nel cast di Vox Lux con Jude Law

natalie portman, vox lux, jude law

Natalie Porman affiancherà Jude Law nel film Vox Lux, come rivela Variety in esclusiva.Vox Lux è scritto e diretto da Brady Corber, il quale è conosciuto sopratutto per il suo ruolo di attore nei film Mysterious Skin di Gregg Araki, Funny Games di Michael Haneke e Melancholia di Lars von Trier. Brady Corber ha debuttato nelle vesti di regista nel 2015 dirigendo L’Infanzia Di Un Capo con Robert Pattinson: il film, presentato alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, si è guadagnato il Leone del Futuro – Premio Venezia opera prima Luigi De Laurentiis e il Premio Orizzonti per la migliore regia.

natalie portman, vox lux, jude law

 Vox Lux segue la vita di Celeste, una cantante che, reduce da una tragedia nazionale diventa una popstar mondiale. Il film coprirà 15 anni della vita dell’artista e, dal 1999 in poi, ripercorrerà importanti momenti culturali visti attraverso gli occhi della ragazza. Le riprese della pellicola cominceranno a New York il primo febbraio e alla realizzazione della colonna sonora parteciperà la cantautrice australiana Sia. Natalie Porman, vincitrice del premio Oscar nel 2011 per la sua performance ne Il Cigno Nero di Darren Aronofsky, nel 2018 tornerà al cinema nel thriller fantascientifico Annientamento diretto da Alex Garland.

natalie portman, vox lux, jude law

Jude Law ha da poco terminato le riprese di Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald di David Yates a Londra, nel quale interpreta Albus Silente, e lo scorso mese ha partecipato ai Golden Globe Awards candidato nella categoria “Miglior attore in una miniserie o film per la televisione” per il suo ruolo di protagonista nella serie televisiva The Young Pope dell’italiano Paolo Sorrentino. Michel Litvak, presidente della Bold Films che produrrà Vox Lux, dice: «Siamo emozionati di dare il benvenuto ad un’attrice stellare come Natalie Portman nel cast». Il produttore Andrew Lauren, riguardo al regista Brady Corber, afferma: «Non penso che Brady sia di questo secolo. Il suo lavoro ricorda più quello di  Sergei Eisenstein o Fritz Lang. Quando ti siedi con lui, la sua enciclopedica conoscenza del cinema è paurosa e la sua passione è contagiosa.»

Fonte: Variety

Martina Vaira

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*