Svelati i film d’apertura e chiusura del Torino Film Festival 2017

ricomincio da me, the florida project, torino film festival

Sarà Ricomincio da me di Richard Loncraine, in anteprima internazionale, ad aprire ufficialmente l’edizione 2017 del Torino Film Festival. Il film, del regista di Riccardo III e di Wimbledon, è una commedia delicata e profonda che non rinuncia tuttavia all’ironia tipica del genere. Già dal titolo originale, Finding Your Feet (ritrovare se stessi), è possibile comprendere quello che sarà il viaggio interiore della protagonista. Sandra (Imelda Staunton), è una donna borghese che, dopo un lungo matrimonio di 40 anni, scopre l’infedeltà del marito che dura da molto tempo. Oltre al danno, anche la beffa colpisce la povera signora inglese, perché l’amante è niente di meno che la sua migliore amica. Sandra decide di andarsene, ospitata da Bif (Celia Imrie), la sorella dal carattere radicalmente diverso dal suo, un aspetto che si rivelerà essenziale a farle cambiare pagina, come accade con l’incontro in un corso di ballo di Charlie (Timothy Spall), un estroso restauratore di mobili che soggiorna su una barca.

Imelda Staunton,per i produttori del film Nick Moorcroft e Meg Leonard, rappresenta “l’attrice più versatile e talentuosa di tutta la Gran Bretagna”, mentre il regista Richard Loncraine, nel descrivere la sua interpretazione in scena, afferma che “la sua trasformazione da antipatica snob a donna disponibile e generosa è credibile e quasi impercettibile”. Timothy Spall, attore comparso recentemente in The Journey di Nick Hamm presentato alla 73° Mostra del cinema di Venezia, ha dichiarato: “sono felice di interpretare finalmente un personaggio che ha la mia età, parla come me, si veste come me ed è abbastanza simpatico”. Anche la qualità della sceneggiatura è stata davvero apprezzata dall’intero cast. “Quando hai un ottimo copione e un cast di tale livello – afferma il regista – il film si fa da solo”. A Torino saranno presenti il regista Richard Loncraine, l’attore Timothy Spall e l’attrice Celia Imrie.

ricomincio da me, the florida project, torino film festival

A conclusione del festival The Florida Project, presentato quest’anno alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes ottenendo un ottimo riscontro di pubblico e di critica. Il lungometraggio è diretto da Sean Baker (Prince of Broadway, Starlet, Tangerine), che incontrerà il pubblico alla proiezione ufficiale. Il racconto ripercorre le vicende di Moonee (Brooklynn Kimberly Prince), una bambina di sei anni che vive in una zona di confine in Florida. Assieme ai suoi amici e a sua madre di 22 anni Halley (Bria Vinaite), si trovano infatti vicini alla tanto decantata Disneyworld, con le sue attrazioni e la gioia che si prova all’interno di quel fantastico parco. In realtà la loro giostra non è per nulla confortante, nonostante il nome, il Magic Castle Motel, ricordi proprio qualcosa di incantato. È la vita, non è fantasia, purtroppo,perché la gente in quel quartiere vive sotto la soglia della povertà. Fortunatamente non sono soli, perché ad occuparsi di loro c’è il direttore del motel Bobby (Willem Dafoe), l’unico ad avere a cuore la sorte di questi ragazzi.

Se queste sono le premesse, la 35° edizione del Torino Film Festival si preannuncia sin da subito graffiante e dal tono eccentrico. La locandina ne è la più valida rappresentazione, con l’attrice Kim Novak e i suoi immensi (e folgoranti) occhi azzurri al centro dell’immagine appartenente al film del 1958 Una strega in Paradiso diretto da Richard Quine. Non è sola, perché viene ritratta in compagnia del suo gatto Cagliostro, il felino che copre la parte inferiore del suo volto mostrando il suo ipnotico sguardo. L’animale, tanto lodato dagli Egizi quanto sul web, è infatti motivo di una delle tante retrospettive in programma a Torino, con altri 5 film che elogiano il gatto all’interno dell’arte cinematografica: Il gatto milionario di Arthur Lubin (1951); Alice nel paese delle meraviglie di Clyde Geronimi, Hamilton Luske e Wilfred Jackson (1951); L’ombra del gatto di John Gilling (1961); Black Cat di Lucio Fulci (1981); Chat écoutant la musique di Chris Marker (1990). Oltre a questo, Torino si immergerà nel cinema di Brian De Palma, con tutta la sua filmografia a illuminare lo schermo del festival, da Omicidio a luci rosse (1984) a Carrie – lo sguardo di Satana (1976), fino a capolavori indiscussi come Scarface (1983) e Carlito’s Way (1993).

ricomincio da me, the florida project, torino film festival

Riccardo Lo Re

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>