Nobili Bugie di Antonio Pisu al 70° Festival de Cannes

Nobili Bugie di Antonio Pisu al 70° Festival de Cannes

Dopo l’anteprima al Bif&st – Bari International Film Festival, la black comedy in costume Nobili Bugie l’opera prima del regista Antonio Pisu in sala il prossimo autunno e prodotta da Genoma Films, sarà presentata lunedì 22 maggio, alle 12.30 all’Italian Pavilion – Hotel Majestic e inoltre è tra le pellicole proposte al Marché du Film 2017.

Nobili Bugie vede nel suo cast l’icona del cinema italiano Claudia Cardinale. Diretta da Antonio Pisu, la musa di Fellini è accompagnata anche da Raffaele Pisu, Giancarlo Giannini, Ivano Marescotti, Federico Tolardo, Nini Salerno, Tiziana Foschi, Paolo Rossi (anche produttore), Silvia Traversi, Gaia Bottazzi e Stefano Baldini.

All’incontro moderato dal giornalista e critico Enrico Magrelli, parteciperanno: il regista Antonio Pisu, il produttore Paolo Rossi e la protagonista della pellicola, Claudia Cardinale, il cui volto e l’armonia del corpo sono immagine di questa edizione del Festival. Nel film al fianco della celebre attrice, Raffaele Pisu, che torna sul grande schermo dopo la vittoria del Nastro D’Argento per la sua memorabile interpretazione ne Le conseguenza dell’amore di Paolo Sorrentino, e Giancarlo Giannini, la cui partecipazione straordinaria alla pellicola lo ha portato per la prima volta sul set proprio accanto a Claudia Cardinale. 

Oltre a questi noti interpreti, nei panni di nobili decaduti alle prese con intricati affari e intenzionati a risanare la loro tenuta approfittando delle ricchezze di altri tre sprovveduti ebrei, un cast d’eccezione composto da Gianfranco Civolani,  Carlotta MitiTita Ruggeri, Luciano Manzalini, Eraldo TurraLeo MantovaniRoberta Capua, Aura Rolenzetti, Gianni Morandi, inaspettata comparsa in un divertente cameo, e molti altri.

Le vicende narrate nel film, ambientato nella periferia di Bologna durante la seconda guerra mondiale, sono anche occasione per risalire alle radici del Bologna Football Club: un gesto d’amore per la storica squadra di calcio con un omaggio speciale ad Árpád Weisz, grande allenatore del Bologna FC tra il 1935 e il 1938 che, poiché ebreo, fu ucciso nel campo di concentramento di Auschwitz. Nel film Weisz sarà interpretato dall’indimenticato ex giocatore del Bologna Franco Colomba. Il film racconta le vicende della famiglia Martellini, una nobile dinastia ormai decaduta che vive in disparte dal conflitto in corso. Il Duca Pier Martellini e la Duchessa Romola Valli trascorrono tediose giornate accanto al loro figlio cinquantenne Jean-Jacques, eterno bambino, e con gli unici tre membri rimasti della servitù: Giovanna, una cuoca perennemente insoddisfatta, e Tommaso e Federico, reduci di guerra, tuttofare della villa – sono rispettivamente sordo e cieco. Completa il quadretto familiare il maggiordomo personale del Duca, spaventosamente silenzioso. Nel ricordo di gloriosi tempi passati, la famiglia Martellini vive con poco quando, una sorprendente fortuna bussa alla loro porta. Una famiglia ebrea in fuga trova riparo dai nazisti presso la sontuosa, ma vuota magione.

Pur di trovare un compromesso – la nobile famiglia è restia ad ospitare Beniamino, Stefania e Anna essendo privi di una vera e redditizia fonte di guadagno – le due parti trovano un accordo. I tre potranno restare dai Martellini a patto che questi diano un lingotto d’oro allo scadere di ogni mese di permanenza. Gli ebrei, infatti, hanno con se un sacco pieno di lingotti d’oro, eredità lasciata dalla loro comunità e che la famiglia custodisce gelosamente a costo di riportarla ai legittimi proprietari a guerra conclusa.

Tra le curiosità anche quella legata all’eco-sostenibilità della produzione: per la realizzazione di questo film a impatto zero, c’è stato un ripensamento dell’intero ciclo produttivo, adottando comportamenti virtuosi di risparmio, rispetto e uso intelligente delle risorse. Lo studio per la realizzazione del film a basso impatto ambientale è stato effettuato da AzzeroCO2 e si basa sull’analisi delle emissioni di CO2 determinate dai consumi energetici e dei trasporti legati alla produzione del film e sulla messa in opera di buone pratiche volte alla riduzione delle emissioni climalteranti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*