Ad Astra: Brad Pitt alla conquista dello spazio

Ad Astra: Brad Pitt alla conquista dello spazio

Non occorre essere grandi osservatori per accorgersi che lo spazio è tornato di moda a Hollywood da qualche anno a questa parte. Vari film hanno affrontato il vuoto cosmico oscillando tra il thriller survival di Gravity e la commedia tutta azione e buoni sentimenti di The Martian, per non parlare del recentissimo Life. A questo ritorno di fiamma per il genere sembrano interessate sempre più star, e il prossimo della lista è Brad Pitt: l’attore di Allied sarà protagonista di Ad Astra.

Il film sarà diretto da James Gray, il regista de I Padroni della Notte e Two Lovers, e vedrà Brad Pitt nel ruolo di un astronauta che parte per una missione alla volta del pianeta Nettuno, nel tentativo di scoprire che fine ha fatto suo padre, scomparso 20 anni prima in un’impresa analoga. I lavori cominceranno a Luglio. Gray ha detto del progetto:

Sono terrorizzato. Il genere della fantascienza è così difficile, perché ci sono degli elementi di fantasy di solito. E ci sono anche elementi fantastici. Quello che sto cercando di fare è il ritratto più realistico del viaggio spaziale che sia stato portato al cinema, e dire in pratica ‘Lo Spazio è orribilmente ostile verso di noi’. È una sorta di storia alla Cuore di Tenebra sul viaggiare verso il limite estremo del nostro sistema solare. Ripongo molte speranze in questo progetto, ma è sicuramente molto ambizioso. Le riprese cominciano il 17 luglio, quindi non manca molto. Sono atterrito, ma va bene così [ride].

James Gray non è certo il primo regista che, dopo varie esperienze coi piedi per terra, tenta il grande salto nello spazio. Da Alfonso Cuaron e Christopher Nolan, il passaggio alla fantascienza fatta di astronavi ed esplorazioni dell’ignoto è quasi sempre lo stacco più vistoso di una carriera, non stupisce che la cosa generi tensione e ansia.

Quanto al realismo che Gray si prefigge, la cosa bella dei film di questa categoria è proprio che, anche fantasticando il meno possibile, lo spettacolo è insito nel DNA del prodotto. Vedremo cosa sapranno allestire a questo giro, i nomi coinvolti finora sono certo promettenti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*