Monsters at Work – la storia continua su Disney+

Monsters at Work – la storia continua su Disney+

Si allunga nuovamente la lista dei prodotti originali che usciranno su Disney+. Ad aggiungersi agli spin-off Marvel (Scartet Witch e Visione Winter Soldier e Falcon) Star Wars (The Mandalorian e la serie prequel di Rogue One) e la serie Disney classica su Book of Enchantment, è la Pixar a svelare il suo nuovo (e spaventoso) progetto seriale: Monsters at Work. I personaggi di Monsters, inc si trasferiranno su piccolo schermo, e sarà ambientato sei mesi dopo i fatti avvenuti nel primo capitolo, quando l’azienda ha deciso di cambiare il suo core business alimentando la sua energia attraverso le risate dei bambini di tutto il mondo, e non più dalle urla come era accaduto in passato.

Al centro di questo nuovo racconto ci saranno dei nuovi personaggi, come spesso accade nei capitoli successivi di un episodio targato Pixar. Qui avremo Tylor Tuskmon (con la voce di Ben Feldman), un meccanico ricco di energia e passione che sogna un giorno di entrare a far parte del team composto da dei mostri sacri come Mike e Sulley, che avranno le voci rispettive di Billy Crystal e John Goodman. Non sarà l’unico personaggi nuovo nella città Monstropolis. Insieme a Tylor, ci saranno Val Little, la sua amica più fidata interpretata da Kelly Marie Tran; Fritz, il capo della baracca che avrà la voce di Henry Winkler; Duncan, un idraulico opportunista incarnato da Lucas Neff; Smitty e Needleman, i cui ruoli sono stati affidati a Stephen Stanton; Cutter (Alanna Ubach) e la madre di Tylor Millie Tuskmon, che sarà interpretata da Aisha Tyler.

Oltre a Goodman e Crystal, tra i personaggi del passato ritroveremo inoltre Yeti (John Ratzenberger), Celia (Jennifer Tilly) e Roz (Bob Peterson).

Fonte: The Hollywood Reporter 

1 Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>