Svelati i primi titoli in concorso al festival di Berlino 2018

Svelati i primi titoli in concorso al festival di Berlino 2018

A due mesi dalla 68° edizione del festival di Berlino, gli organizzatori della Berlinale hanno ufficializzato i primi 10 film che prenderanno parte alla manifestazione. Dopo la recente notizia che L’Isola dei cani di Wes Anderson sarà il film ad aprire la competizione, sono stati infatti rivelati 8 film in concorso per l’Orso d’Oro (compreso l’opera di Anderson), e 2 lungometraggi della Berlinale Special Gala. Per quanto riguarda il primo, tra i titoli c’è un ritorno atteso di Gus Van Sant dopo Will Hunting – Genio ribelle, Scoprendo Forrester e Promised Land. Don’t Worry, He Won’t Get Far on Foot, che vede come protagonisti Joaquin Phoenix, Jonah Hill e Rooney Mara, racconta la vita sregolata del famoso fumettista John Callahan, con la droga e alcool che lo portano verso scelte sbagliate e irrazionali.

Altro ritorno gradito è quello di Laura Bispuri dopo la sua opera prima Vergine giurata, grazie al suo ultimo lavoro Figlia mia, film con Valeria Golino e Alba Rohrwacher che descrive la vita (apparentemente) tranquilla di una bambina di 9 anni nelle coste della Sardegna. Tra gli altri lungometraggi presenti, Dovlatov di Alexey German Jr, che illustra la storia del celebre poeta russo Sergej Dovlatov, oltre all’ultimo film di Benoit Jacquot (Tre Cuori, Journal d’une femme de chambre) con Isabelle Huppert Eva, un’opera che narra dell’incontro tra un drammaturgo e una donna misteriosa in una baita dopo una tempesta di neve intensa.

Nella categoria Berlinale Special Gala il dramma The Bookshop di Isabel Coixet con al centro la decisione fuori dagli schemi di Florence Green di aprire una libreria gestita completamente da lei, uno scontro sociale inedito negli anni ’50 vista la mentalità chiusa della popolazione del posto, ma che non le impedisce di centrare l’obiettivo di rompere con forza lo status quo culturale.

 

In concorso

– Isle of Dogs di Wes Anderson (USA) con Bryan Cranston, Edward Norton, Bill Murray, Jeff Goldblum, Bob Balaban, Scarlett Johansson, Tilda Swinton, F. Murray Abraham, Kunichi Nomura, Harvey Keitel, Akira Ito, Yoko Ono, Greta Gerwig, Frances McDormand, Liev Schreiber

– Don’t Worry, He Won’t Get Far on Foot di Gus Van Sant (USA) con Joaquin Phoenix, Jonah Hill, Rooney Mara, Jack Black, Udo Kier

– Dovlatov di Alexey German Jr. (Russia/ Polonia / Serbia) con Milan Maric, Danila Kozlovsky, Helena Sujecka, Artur Beschastny, Elena Lyadova

– Eva di Benoit Jacquot (Francia) con Isabelle Huppert, Gaspard Ulliel, Julia Roy, Richard Berry

– Figlia mia (Daughter of Mine) di Laura Bispuri (Italia, Germania, Svizzera) con Valeria Golino, Alba Rohrwacher, Sara Casu, Udo Kier

– In den Gängen (In the Aisles) di Thomas Stuber (Germania) con Franz Rogowski, Sandra Hüller, Peter Kurth

– Mein Bruder heißt Robert und ist ein Idiot di Philip Gröning (Germania) con Josef Mattes, Julia Zange, Urs Jucker, Stefan Konarske, Zita Aretz, Karolina Porcari, Vitus Zeplichal

– Twarz (Mug)di Małgorzata Szumowska (Polonia) con Mateusz Kościukiewicz, Agnieszka Podsiadlik, Małgorzata Gorol, Roman Gancarczyk, Dariusz Chojnacki, Robert Talarczyk, Anna Tomaszewska, Martyna Krzysztofik

 

Berlinale Special Gala

– The Bookshop di Isabel Coixet (Spagna, Gran Bretagna, Germania) con Emily Mortimer, Bill Nighy, Patricia Clarkson

– Das schweigende Klassenzimmer (The Silent Revolution) di Lars Kraume (Germania) con Leonard Scheicher, Tom Gramenz, Lena Klenke, Jonas Dassler, Florian Lukas, Jördis Triebel, Michael Gwisdek, Ronald Zehrfeld, Burghart Klaußner

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>