Spheres – Millie Bobby Brown tra le narratrici della serie in VR di Darren Aronofsky

Spheres – Millie Bobby Brown tra le narratrici della serie in VR di Darren Aronofsky

In attesa di vederla esordire al cinema con Godzilla II – King of the Monsters e di incontrarla nuovamente per le strade di Hawkins in Stranger Things, Millie Bobby Brown sarà presente prossimamente in un progetto totalmente inedito. Non si tratta di una classica serie televisiva, bensì una miniserie in realtà virtuale, Spheres, prodotta da Darren Aronofsky e in concorso alla Venice Virtual Reality, la selezione ufficiale in programma alla 75° Mostra del cinema di Venezia. La regia è affidata a Eliza McNitt, che porterà lo spettatore in un lungo viaggio immersivo nello spazio ispirandosi a un fatto ormai cristallizzato nella memoria storica. Nel 1990 la sonda Voyager 1 scattò una fotografia ritraendo il pianeta Terra a circa 6 miliardi di distanza dal pianeta. L’immagine è qualcosa di sensazionale, perché ciò che si vede altro non è che un puntino azzurro immerso nel buio dell’universo circostante. Quella foto venne soprannominata Pale Blue Dot.

Spheres, suddiviso in tre episodi, sarà presentato interamente durante il festival. La prima parte, Chorus of the Cosmos, sarà narrata da Millie Bobby Brown, mentre la seconda, Songs of Spacetime, e la terza, Pale Blue Dot, saranno descritte rispettivamente dall’attrice Jessica Chastain e dall’artista Patti Smith. A produrre la serie sono stati Antoine Cayrol, Pierre Zandrowicz, Arnaud Colinart e Fred Volhuer di Atlas V, in collaborazione con Oculus, Crimes of Curiosity e Kaleidoscope, mentre Darren Aronofsky e Ari Handel dello studio Protozoa hanno avuto il ruolo di produttori esecutivi.

“È fantastico che Millie Bobby Brown narri il primo episodio di Spheres – afferma Antoine Cayrol – non solo perché ha molto talento, ma anche perché ha un enorme seguito tra i giovani, che è il nostro punto di riferimento per esperimenti di realtà virtuale come Spheres “.

Dal 2017 il Lazzaretto Vecchio del Lido di Venezia è diventata la postazione scelta dagli organizzatori della mostra, all’interno della quale vengono esibiti i migliori cortometraggi in VR da quelli più classici come quelli presentati alla VR Theater dove l’immersione è solo visiva, a quelli più complessi dove l’utente ha la possibilità di avere un’interazione diretta con la storia. Inoltre La Biennale ha da tempo istituito un programma speciale di Biennale College dedicato proprio a questa nuova tecnologia, permettendo a tre registi di poter realizzare il proprio progetto.

Qui sotto i trailer di Spheres, disponibile su Oculus verso autunno

Chorus of the Cosmos

Songs of Spacetime

Pale Blue Dot

Qui invece tutti i corti in concorso 

In Concorso – Interattivo
(per i premi Miglior VR Storia Immersiva e Migliore Esperienza VR per contenuto interattivo)

-MAKE NOISE
di MAY ABDALLA
con Nikki Amuka-Bird / UK / 8’ / installation

-ECLIPSE
di JONATHAN ASTRUC, AYMERIC FAVRE
Francia / 35’ / installation

-THE UNKNOWN PATIENT
di MICHAEL BEETS
con Lily Sullivan / Australia / 9’ / stand up

-BUDDY VR
di CHUCK CHAE
con Yena Jang / Corea del Sud / 16’ / stand up

-UMAMI
di LANDIA EGAL, THOMAS PONS
con Amaury La Burthe, Eimi Kawahara / Francia / 15’ / installation

-THE HORRIFICALLY REAL VIRTUALITY
di MARIE JOURDREN
con Josh Jefferies, Robin Berry / Francia / 40’ / installation

-SPHERES, la serie
di ELIZA MCNITT
USA, Francia / installation
Capitolo 1 – CHORUS OF THE COSMOS, con Millie Bobby Brown / 15’
Capitolo 2 – SONGS OF SPACETIME, con Jessica Chastain / 13’
Capitolo 3 – PALE BLUE DOT, con Patti Smith / 15’

-A DISCOVERY OF WITCHES – HIDING IN PLAIN SIGHT
di KIM-LEIGH PONTIN
con Teresa Palmer, Matthew Goode, Adetomiwa Edun / UK / 15’ / stand up

-THE ROAMING – WETLANDS
di MATHIEU PRADAT
con Stephen Harrison, Nicolas Pradat, Beatrice Mujdei, Barbara Weber Boustani, Avant Strangel / Francia, UK, Belgio / 10’ / installation

-KOBOLD
di MAX SACKER, IOULIA ISSERLIS
con David Bredin, Nick Holaschke, Garry Lane / Germania / 20’ / stand up

-AWAVENA
di LYNETTE WALLWORTH
con Hushahu Yawanawa, Tata Yawanawa / USA, Brasile, Australia / 30’ / installation

In Concorso – Lineare
(per i premi Miglior VR Storia Immersiva eMigliore Storia VR per contenuto lineare)

-EVEN IN THE RAIN
di LINDSAY BRANHAM
USA, Repubblica Centrafricana / 16’ / VR theatre

-ANGELŲ TAKAIS (TRAIL OF ANGELS)
di KRISTINA BUOZYTE
Lituania, Bielorussia / 20’ / stand up

-X-RAY FASHION
di FRANCESCO CARROZZINI
USA, Danimarca, India / 20’ / installation

-HALF LIFE VR – SHORT VERSION
di ROBERT CONNOR
con Amanda Åkesson, Sarah-Jane Brodbeck, Frida Hambreus / Svezia / 12’ / VR theatre

-CROW: THE LEGEND
di ERIC DARNELL
con John Legend, Constance Wu, Liza Koshy, Tye Sheridan, Sarah Eagle Heart, Randy Edmonds, Diego Luna, Oprah Winfrey / USA / 22’ / stand up

-AGE OF SAIL
di JOHN KAHRS
con Ian McShane, Cathy Ang / USA / 12’ / stand up

-MINDPALACE
di CARL KRAUSE, DOMINIK STOCKHAUSEN
con Anthony Paul, Maximilian Allgeier / Germania / 10’ / stand up

-BALLAVITA
di GERDA LEOPOLD
con Bianca Kraml, Thomas Kraml, Haymon Buttinger / Austria, Germania / 34’ / VR theatre

-BORDERLINE
di ASSAF MACHNES
con Indal Kabada, Alan Godying, Tom Kroszynski / Israele, UK / 9’ / VR theatre

-SHENNONG: TASTE OF ILLUSION
di MI LI, WANG ZHENG
Cina / 9’ / stand up

-THE GREAT C
di STEVE MILLER
con Niamh Wilson, Jonathan Koensgen, Camilla Scott / Canada / 30’ / installation

-L’ÎLE DES MORTS
di BENJAMIN NUEL
con Richard Doust / Francia / 8’ / stand up

-HOME AFTER WAR
di GAYATRI PARAMESWARAN, FELIX GAEDTKE
Iraq, Germania, USA / 20’ / installation

-MADE THIS WAY: REDEFINING MASCULINITY
di ELLI RAYNAI, IREM HARNAK
con Elijah Miley, Devyn Farries / Canada / 18’ / stand up

-LUCID
di PETE SHORT
con Jaleh Alp, Nicky Goldie, Peter Landi / UK, Australia / 16’ / stand up

-WU ZHU ZHI CHENG VR (THE LAST ONE STANDING VR)
di WANG JIWEN, LIU YANG
Cina / 10’ / stand up

-FRESH OUT
di WEY SAM, TAO FANGCHAO
Cina, USA / 7’ / stand up

-1943: BERLIN BLITZ
di DAVID WHELAN
Irlanda, UK / 14’ / stand up

-ROOMS
di CHRISTIAN ZIPFEL
Germania / 23’ / VR theatre

Fuori Concorso – Best of VR
(una selezione internazionale delle migliori opere VR)

Interattivo
-VR_I
di GILLES JOBIN, CAECILIA CHARBONNIER, SYLVAIN CHAGUÉ
con Victoria Chiu, Susana Panadés Diaz, Diya Naidu, Tidiani N Diaye, Gilles Jobin / Svizzera / 20’ / installation

Lineare

-BATTLESCAR
diNICO CASAVECCHIA, MARTIN ALLAIS
con Rosario Dawson / Francia, USA / 7’ / stand up

-ARDEN’S WAKE: TIDE’S FALL
di EUGENE YK CHUNG
con Alicia Vikander, Richard Armitage / USA / 28’ / stand up

-GHOST IN THE SHELL: VIRTUAL REALITY DIVER
di HIGASHI HIROAKI
con Elizabeth Maxwell, Christopher Sabat, Jad Saxton / Giappone / 16’ / VR theatre

-ISLE OF DOGS: BEHIND THE SCENES (IN VIRTUAL REALITY)
di PAUL RAPHAËL, FÉLIX LAJEUNESSE
con Bryan Cranston, Bill Murray, Edward Norton, Liev Schreiber, Jeff Goldblum, Scarlett Johansson, Tilda Swinton, Bob Balaban / Canada, UK, USA / 6’ / VR theatre

-KEKKON YUBIWA MONOGATARI VR (TALES OF WEDDING RINGS VR)
di SOU KAEI
con Akari Kito, Takumi Satou, Kouichi Souma / Giappone / 30’ / stand up

Fuori Concorso – Biennale College Cinema – VR
Lineare

-IN THE CAVE
di IVAN GERGOLET, produttore: ANTONIO GIACOMIN, DAVID CEJ
con Maruša Majer, Bruno Serban, Claudia Sfetez / Italia / 15’

-ELEGY
di MARC GUIDONI,produttore: JOANNA SZYBIST
con Robert William Bradford, Madalina Constantin, Dan Rosson, Walter Dickerson, Julie Judd, Kester Lovelace, Charles Morillon, Natalia Pujszo, Gaya Verneuil / Francia / 30’

-METRO VEINTE: CITA CIEGA
di MARIA BELEN PONCIO, produttore:EZEQUIEL LENARDON
con Delfina Diaz Gavier, Cristobal Lopez Baena / Argentina / 17’

-SELYATAĞI (FLOODPLAIN)
di DENIZ TORTUM, produttore: ANNA MARIA ASLANOGLU
(ispirato al lungometraggio di Biennale College – Cinema YUVA, di Emre Yeksan) con Okan Bozkuş, Berk Akman, Turgut Ekinci, Çağdaş Akar, Nihat Can Tinas / Turchia / 12’/ VR theatre

Fonte: Variety

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>