Dylan Dog – in arrivo la serie televisiva prodotta da Bonelli Entertainment

Dylan Dog – in arrivo la serie televisiva prodotta da Bonelli Entertainment

Bentornato a casa, Dylan Dog. Variety ha annunciato ufficialmente quello che i fan da tutto il mondo stavano attendendo da tempo. Dopo la piccola, disastrosa, parentesi americana, con il film in live action uscito nel 2011 che portato solo dolore e tormento ai sostenitori del racconto ideato da Tiziano Sclavi, l’investigatore dell’incubo è pronto a tornare in movimento. Essendo i diritti in mano a Sergio Bonelli Editore, che è già entrato nelle fila dei produttori con Monolith, il film di Ivan Silvestrini uscito ad agosto del 2017, il pubblico potrà stare tranquillo. L’attesa è stata lunga, e la paura dell’azienda, che ha creato una specifica sezione con il nome di Bonelli Entertainment, era di evitare le brutte esperienze avvenute nel passato con il film di Kevin Munroe con protagonista Brandon Routh. Il momento giusto per la svolta è arrivato, e a comunicarlo è Vincenzo Sarno, il responsabile dello sviluppo dei nuovi progetti di Sergio Bonelli, che afferma che sono in trattative con degli studio italiani e internazionali per quanto riguarda i piani futuri di Dylan Dog & Co.

L’obiettivo è una serie televisiva di 10 episodi con al centro le avventure del detective britannico e il suo fidato assistente Groucho, che si ispira proprio all’iconico personaggio di Julius Henry Marx, celebre per le sue battute spinose e irriverenti. I due dovranno vedersela con casi irrisolti che riguardano il paranormale, con mostri e spiriti a portare il terrore per le strade di Londra e dintorni. Ma non è questo a rendere Dylan Dog un fumetto affascinante. La particolarità del racconto è quello di scavare nel profondo del protagonista, in un vortice che scuote il lettore attorno alle debolezze e alle paure dello stesso investigatore inglese, scelto per un’indagine che fa riaffiorare i suoi ricordi passati. Il presidente Davide Bonelli in un comunicato sostiene l’ampia varietà dei progetti che l’azienda ha in programma, investendo in contenuti originali come Dylan Dog e offrendo al pubblico di usufruirne con qualsiasi mezzo.

“Una delle priorità del nostro studio è di sviluppare dei nuovi percorsi per il pubblico, che potrà entrare in contatto con i nostri celebri e iconici personaggi e franchise con nuovi spettacoli esclusivi, e di farlo sui dispositivi che prediligono. Stiamo investendo e creando spettacoli originali di alta qualità tra cui la nuova serie Dylan Dog”.

Tra gli altri racconti in ballo ci sono serie di ogni genere, dalla fantascienza come Nathan Never, all’avventura con Mister No e Martin Mystère, fino all’horror con Dampyr eal fantasy con Dragonero (già un racconto animato finanziato con la Rai). Non per ultima, la collaborazione con Lucky Red per la realizzazione de Il confine. Non si escludono inoltre collegamenti tra queste storie in produzione, con la possibilità che i personaggi di Martin Mystère e Mister No di comparire nella serie di Dylan Dog.

Fonte: Variety

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*