The Predator: Shane Black a proposito del Predator “ibridato” del nuovo film

the predator, shane black, hawkins, olivia munn, boyd holbrook, jacob tremblay

Non scordiamolo: Predator, fin dal primo film, è un cacciatore, una creatura proveniente da qualche parte dello spazio che pratica la caccia, sia pure rispettando un certo codice di condotta e combattimento, nei confronti di altri esseri che incontra nel corso delle sue incursioni su altri pianeti, per poi intascarsi parti dei corpi delle prede come trofei. Questo dato, quest’attitudine “sportiva” che contribuisce a definire una delle razze aliene più celebri mai apparse sul grande schermo, torna in qualche modo in primo piano riguardo al nuovo film del franchise, The Predator, diretto e co-sceneggiato da Shane Black, attore e regista che nel film originale del 1987 interpretava Hawkins, uno dei membri della squadra di salvataggio capitanata da Dutch Scheffer (Arnold Schwarzenegger). Ha a che fare con la caccia perpetrata dai Predator, infatti, l’idea della caratterizzazione di una delle figure chiave del nuovo capitolo della saga. The Predator uscirà il 27 settembre nelle nostre sale, e fino ad allora uno degli interrogativi più pressanti riguardo il film è quello a proposito di quella sorta di “super Predator” di cui si parla nel trailer.

the predator, shane black, hawkins, olivia munn, boyd holbrook, jacob tremblay

Interrogato da Entertainment Weekly sulla natura di questo esemplare di Predator, Black ha così risposto:

“Se il Predator fosse un amalgama di, non solo un comune Predator, ma anche di una raccolta dei tratti ottenuti dalle specie più potenti tra quelle da loro cacciate, allora avremmo in pratica un esemplare che è più forte, più veloce e più intelligente. Alla fine siamo giunti a un’immagine che ci piaceva, che cattura questo predatore molto astuto, molto abile, potente ma senza alcuno sforzo e selvaggio. Una delle uniche sottigliezze che mi venivano in mente su alcuni dei Predator precedenti è che, se non stai attento, la creatura può sembrare un tizio con addosso un’armatura da football; un tale grande e grosso con il passo pesante. Volevo una certa qualità più aggraziata, più leggera, più atletica, come un predatore, letteralmente. Se pensi a un ghepardo non è goffo.”

the predator, shane black, hawkins, olivia munn, boyd holbrook, jacob tremblay

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>