Dogman – le clip del film di Matteo Garrone, in sala dal 17 maggio

Dogman – le clip del film di Matteo Garrone, in sala dal 17 maggio

Aspettando le prime reazioni dal concorso del 71° Festival di Cannes, il pubblico italiano non dovrà aspettare molto prima di vedere in sala l’ultimo film di Matteo Garrone, Dogman, che s’ispira all’uccisione del pugile e criminale Giancarlo Ricci a opera di Pietro De Negri, conosciuto da tutti come er canaro.L’evento è avvenuto verso la fine degli anni ’80, precisamente nel 1988, ma come il regista ci ha spesso abituato, non è la sua intenzione quella di raccontare una storia in maniera diretta e senza filtri. Già negli altri suoi lavori, come Gomorra, il suo scopo è di portare l’avvenimento in questione in scena, ma cercando allo stesso tempo di staccarsi da quel fatto sin dalla sua radice, proponendo una vera e propria interpretazione in chiave estetica e narrativa del racconto.

Chi conosce il fatto di cronaca dovrà quindi aspettarsi ad un certo punto diversi cambiamenti da parte del regista, che molto spesso mischia elementi di finzione con quelli realistici. Dogman è infatti ambientato nella periferia romana, un contesto che lui stesso ha mostrato durante la sua carriera e che rappresenta tutto il contrario della vita tranquilla di una città metropolitana. In questa realtà abita Marcello, un uomo che non ha mai creato problemi visti quelli che costantemente emergono nel quartiere della Magliana. Mingherlino, innocuo, non ha saputo mai farsi rispettare in un territorio dove la legge ordinaria non esiste, ma persiste solo quella di chi primeggia sull’altro. un pesce fuor d’acqua se considerato il luogo che lo avvolge, in bilico tra la grande metropoli e la natura spietata che governa da tempo con un’unica legge, quella del più forte. Marcello gestisce un salone di toelettatura per cani, e la sua esistenza prosegue anche grazie al suo rapporto con Sofia, sua figlia. Peccato che non sempre si può fare affidamento ai pensieri dolci e gioiosi come quelli familiari, quando ci si trova di fronte a lui, Simoncino, un ex pugile dilettantistico che usa proprio la sua forza, mischiata alla paura, per terrorizzare gli abitanti del quartiere. In pratica, uno strumento di potere incisivo, ma non perfetto, perché il rischio è quello di sottovalutare chi ti sta di fronte, come lo stesso Marcello, che dopo l’ennesima ingiustizia, reagisce per riprendersi la sua dignità, concependo una vendetta che avrà tuttavia un esito imprevisto.

Qui le clip di Dogman

Marcello chiama Simoncino

Marcello e alano

Fiera canina

Marcello esce con i cani

Videolottery

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*