A settembre torna il Milano Film Festival, Gabriele Salvatores direttore artistico

milano film festival, gabriele salvatores, esterni

La prossima edizione del Milano Film Festival, la ventitreesima, avrà un direttore artistico che non ha bisogno di presentazioni: Gabriele Salvatores, regista Premio Oscar che negli ultimi decenni ha firmato pellicole come Mediterraneo, Quo Vadis, Baby? e i due capitoli de Il Ragazzo Invisibile. La kermesse si svolgerà dal 29 settembre al 7 ottobre, in tre sedi: ANTEO Palazzo del Cinema, il Piccolo Teatro Studio Melato e BASE Milano. Affiancherà Salvatores Alessandro Beretta, in direzione dal 2011, per una manifestazione culturale che vuole regalare alla città e agli appassionati un festival accresciuto e rinnovato, un punto di incontro per il pubblico milanese e con una attenzione particolare riservata ai giovani, affacciandosi sempre di più verso i recenti sviluppi della cinematografia. Ecco le parole di Giuseppe Sala, sindaco di Milano. “Auguro buon lavoro al regista premio Oscar Gabriele Salvatores. Sono certo che, sotto la sua direzione, il Milano Film Festival continuerà a crescere, valorizzando sperimentazione e nuove voci del cinema internazionale. Grazie al contribuito e allo sguardo mai banale di Salvatores, questa manifestazione – che da anni illumina la vita culturale di Milano – saprà confermarsi ottima interprete dell’anima contemporanea della nostra città”.

milano film festival, gabriele salvatores, esterni

Una manifestazione che ruota attorno al cinema indipendente, con in programma la presenza di ospiti internazionali, largo spazio alle nuove tecnologie, soprattutto la realtà virtuale, con anche un nuovo progetto dedicato al gaming, in linea con la maggior attenzione verso le nuove generazioni. L’aspirazione del Festival e del Comune di Milano è di lanciare una realtà pluriennale, sempre più in grado di parlare a un pubblico internazionale, piazzando Milano in prima linea sul fronte della cinematografia ai livelli più elevati. Esterni, impresa culturale nata nel 1995, apre il suo progetto a nuove collaborazioni, idee e risorse, per una manifestazione culturale sempre più rilevante, frutto della sinergia tra diverse competenze sempre tese all’evoluzione di una materia in continuo fermento.

Foto di copertina: Masiar Pasquali

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>