L’Amica Geniale: in lavorazione una serie tv basata sulla saga letteraria

l'amica geniale

L’Amica Geniale, romanzo del 2011, è il primo di una saga composta da Storia del nuovo cognome (2012), Storia di chi fugge e di chi resta (2013) e Storia della bambina perduta (2014). I quattro romanzi narrano dell’amicizia e della vita di due donne napoletane. Il primo romanzo racconta come Lenù e Lila si incontrino e diventino amiche. Entrambe crescono nel Rione Luzzatti di Napoli negli anni ’50. Anche se, con il tempo, le loro strade vanno in direzioni diverse, le due ragazze rimangono fortemente legate per tutta la loro esistenza. La narratrice è proprio Lenù, che, anziana, racconta le vicende della sua vita e, soprattutto, di quelle della sua migliore amica. Per tutto il tempo, leggendo i romanzi, ci si chiede chi sia delle due la vera amica geniale.

Da qualche tempo, è stata ufficializzata la collaborazione tra Rai ed HBO per creare una serie televisiva su questa saga, famosissima anche negli Stati Uniti con il titolo The Napolitan Novels. Produttori della serie sono Lorenzo Mieli e Mario Gianani per Wildside e Domenico Procacci per Fandango. Tutto il team che sta creando la serie lavora a stretto contatto con Elena Ferrante, pseudonimo dell’autore/autrice della saga che non ha mai voluto svelare la sua identità, considerando i suoi romanzi “organismi autosufficienti”. Gli sceneggiatori e Ferrante hanno cercato di rimanere fedeli il più possibile ai romanzi, nei limiti di una produzione televisiva. La prima stagione sarà composta di 8 episodi da 50 minuti, ma pare siano già stati firmati accordi per 4 stagioni, per un totale di 32 episodi, in modo da raccontare la storia di Lila e Lenù per intero.

Le riprese sono cominciate ad ottobre dello scorso anno in un’area industriale dismessa di Caserta. La produzione è poi stata interrotta per attendere l’arrivo della primavera, in modo da poter girare le scene in una stagione calda. Per quanto riguarda il cast, nessuno conosce i nomi delle piccole interpreti delle protagoniste. Il casting si è svolto in Campania e l’idea è stata quella di scegliere bambini non attori, in modo da rendere il tutto molto affine alla realtà. L’intera serie sarà girata, a quanto pare, in dialetto napoletano – che è poi la lingua che le ragazze usano per parlare tra di loro – e negli Stati Uniti verrà rilasciata sottotitolata. Probabilmente la scelta è sempre dovuta al concetto di rimanere aderenti alla realtà, alla vera Napoli povera anni ’50. Il regista della prima stagione sarà Saverio Costanzo (In Treatment, Hungry Hearts).

Non è ancora stata definita la data di debutto della serie, ma vista la complessità del progetto è molto probabile che non la vedremo sulla Rai prima del 2019. Il fatto che la produzione della serie venga creata in modo così meticoloso e attento ai dettagli è confortante, considerando che i romanzi de L’amica geniale sono scritti egregiamente e che meritano una trasposizione televisiva che faccia loro giustizia.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>