Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – le prime anticipazioni

Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – le prime anticipazioni

Sta per iniziare il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina, giunto alla 28° edizione e che si terrà a Milano dal 18 al 25 marzo 2018. La locandina parla chiaro: la “Zebra prismatica” è un’immagine che con i suoi diversi colori significa integrazione e unione delle diverse culture, da quella africana, asiatica fino al Sud America. 60 film in anteprima nazionale, 5 categorie per 7 giornate dense di programmazioni. Il sipario si aprirà ufficialmente all’Auditorium San Fedele di Milano alle 20.30, Une saison en France, l’ultimo lungometraggio del regista ciadiano Mahamat-Saleh Haroun. Tra gli altri film che concorreranno per i premi più ambiti, ci sono due lavori appena presentati al festival di Berlino, concluso lo scorso 25 febbraio: The Seen and the Unseen di Kamila Andini, che si è aggiudicato il del Gran Premio della Giuria Generation Kplus, e Imfura di Samuel Ishimwe, il cortometraggio vincitore dell’Orso d’Argento.

La giuria sarà formata da tre esperti del settore che conferirà il premio al miglior film all’interno del Concorso Lungometraggi Finestre sul Mondo, mentre saranno alcuni giornalisti italiani ad assegnare la statuetta al miglior cortometraggio africano e al miglior film nella categoria Extr’A, dove saranno presenti progetti girati da autori italiani nei tre continenti o lungometraggi che si concentrano sull’immigrazione nel nostro Paese.

Non è solo il cinema a essere al centro del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina. Internet è uno dei strumenti che hanno cambiato la percezione Con la rete è ora possibile scoprire la multiculturalità nelle sue diverse relazioni, e l’evento cinematografico milanese non vuole essere da meno, con il motto dal tocco moderno WWW: What a Wonderful World. L’innovazione sarà infatti uno dei temi principali della manifestazione, che con la Fondazione Edu affronterà il rapporto di queste odierne tecnologie nel continente africano con l’incontro dal titolo WWW! What a Wonderful World! – Come le nuove tecnologie cambiano Africa, in programma il 19 marzo allo Spazio Oberdan. In più, dal 15 marzo al 2 aprile sarà allestita al Palazzo Litta Cultura la mostra fotografica AfricaAfrica, exploring the Now of African design and photography, che espone il meglio della fotografia africana contemporanea. Non mancheranno, infine, i dialoghi tra gli autori ospitati e il pubblico, grazie agli incontri di Festival Center che si terranno al Casello Ovest di Porta Venezia dal 17 al 25 marzo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*