Toy Story 4: la sceneggiatura a Stephany Folsom

Toy Story 4: la sceneggiatura a Stephany Folsom

Verso l’infinito e oltre! Il quarto capitolo dedicato ai giocattoli più famosi della Pixar ha trovato un nuovo sceneggiatore. Sarà infatti Stephany Folsom,  già autrice dell’acclamato Thor: Ragnarok sempre di casa Disney, a scrivere le modifiche al testo di Toy Story 4, il film con al centro le vicende dello sceriffo Woody e del suo inestimabile collega e amico Buzz Lightyear. Inizialmente era Rashida Jones ad avere le redini del racconto, assieme allo scrittore Will McCormack. Tuttavia l’anno scorso l’autrice ha deciso di abbandonare totalmente il lavoro. Tra le notizie trapelate sulle motivazioni di questa improvvisa separazione, era emerso che la scelta era dovuta al comportamento del dirigente della Pixar John Lasseter, tanto da portare lo stesso regista del primo episodio di Toy Story a prendersi alcuni mesi di congedo, dopo l’uscita di alcuni articoli di giornale che parlavano di una sua cattiva condotta nei confronti di alcune donne. Jones e McCormack hanno comunque precisato che la sua decisione non era in alcun modo accostabile a questo caso, ma era di natura politica e culturale, dichiarando che la gestione del lavoro dell’azienda non dava, secondo i due sceneggiatori, lo stesso peso creativo alle persone di colore e alle donne.

“Non abbiamo lasciato la Pixar a causa di avance indesiderate … Ci siamo divisi in due a causa di differenze creative e, soprattutto, filosofiche”.

Il primo Toy Story, rilasciato nel 1995, segnò un passaggio epocale della storia del cinema, diventando il primo lungometraggio in CGI, e ottenendo all’epoca l’Oscar Speciale a John Lasseter per il primo progetto interamente ricreato al computer. Il film guadagnò 373 milioni di dollari in tutto il mondo. Toy Story 2 ebbe maggior successo in termini al botteghino, con 485 milioni complessivi dopo la sua uscita nel 1999, ma mai quanto il terzo capitolo della saga, a dieci anni dall’uscita di Woody e Buzz alla riscossa. Toy Story 3 superò il miliardo di dollari, divenendo il terzo film d’animazione con maggiori incassi, dietro solo a Frozen – il regno di ghiaccio e ai Minions.

 

Fonte: The Hollywood Reporter

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>