Constance Langdon

Constance Langdon

Constance Langdon è la signora della porta accanto, la donna gentile e sofisticata. Almeno in apparenza. La sua gentilezza si trasforma presto in invadenza, e il suo comportamento risulta un po’ strano quando inizia a frequentare sempre più spesso la casa dei vicini. Del resto non siamo in un quartiere qualunque, siamo in American Horror Story prima stagione. I nuovi vicini, gli Harmon, si sono trasferiti in una casa poco costosa, senza indagare troppo sui motivi. Murder House, che dà il nome alla prima stagione, nasconde infatti un passato sanguinoso. Inizialmente è la piccola Adelaide, una bambina con la sindrome di Down, figlia di Constance, a recarsi sempre più spesso nella casa. Constance non fa altro che approfittare di questa situazione per presentarsi in casa a ogni occasione, e gli Harmon si rendono conto che l’interesse della vicina per la loro abitazione è morboso e insistente. Durante i flashback scopriamo il passato e tutto ciò che sta dietro la facciata di Constance. La donna infatti non solo ha vissuto in quella stessa casa, ma lì ha ucciso il marito e la cameriera Moira, in un raptus di gelosia in seguito alla scoperta di una relazione tra i due. Lei stessa ha nascosto i cadaveri in giardino, e vede continuamente il fantasma di Moira aggirarsi per la casa. Constance non pensa nemmeno lontanamente di avvertire gli Harmon, che rimangono all’oscuro di tutto continuando a percepire che qualcosa non quadra. I segreti di Constance sono nascosti dietro l’immagine di una bella donna di mezza età, molto elegante, con i capelli sempre in ordine, attenta alle buone maniere e alle formule di cortesia.

Constance Langdon è una madre che farebbe di tutto per proteggere i suoi figli, anche rinchiudere il più grande Beau in soffitta perché deforme. Allo scopo di nasconderlo e proteggerlo dal mondo esterno, arriva a chiedere al compagno Larry di ucciderlo quando si rende conto che i servizi sociali potrebbero portarglielo via. Un modo per proteggere Beau o se stessa? Un istinto di sopravvivenza che non si piega mai, davanti a nessuna difficoltà. Tutti i figli di Constance sono ammalati, e muoiono in circostanze tragiche. Tate viene ucciso dalla polizia dentro casa dopo aver fatto una strage a scuola, e ritornato fantasma nella casa, senza sapere di essere morto, concepisce un figlio con Vivien Harmon. La nascita di questo bambino è molto attesa da Constance, anche se viene a scoprire che un figlio concepito da un fantasma e da un essere umano potrebbe essere l’Anticristo e scatenare nientemeno che l’Apocalisse. Questo orribile dettaglio non la ferma, anzi, quando i bambini a nascere sono due, e uno solo sopravvive al parto, decide di adottarlo e crescerlo come se fosse suo. L’altra figlia Adelaide viene investita da un’auto e mentre è in fin di vita, vediamo ancora la caparbietà di Constance che le impedisce di arrendersi mentre tenta di portare la figlia nella casa degli Harmon, nella speranza che se morisse là dentro potrebbe continuare a vivere come fantasma. In questa occasione Constance fallisce e perde la figlia per sempre. Tuttavia Constance non si ferma, non ammette debolezze, sa di essere forte e di non aver paura di nulla, nemmeno della morte. Una fantastica Jessica Lange porta sullo schermo tutto lo stile e la classe necessari per questo personaggio oscuro e malvagio, ma sempre affascinante, imprevedibile e fondamentale per la riuscita della serie. Quello di Constance era un personaggio inizialmente concepito come secondario dai creatori Ryan Murphy and Brad Falchuk, al quale è stato dato più spazio proprio dopo la scelta della Lange come interprete. Per il ruolo di Constance, Jessica Lange vince un Golden Globe e un Emmy Award.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>