Steven Caple alla regia di Creed 2

Steven Caple alla regia di Creed 2

Ci avevamo creduto. L’idea che Sylvester Stallone dirigesse Creed 2 era piuttosto allettante, non solo perché l’attore ha preso parte al primo capitolo con protagonista Michael B. Jordan nel ruolo di Adonis Johnson, il figlio di Apollo Creed, ma soprattutto per ciò che rappresenta per questa incredibile saga sulla box. Stallone è Rocky, il simbolo di un uomo che con determinazione e fatica raggiunge i suoi obiettivi nel ring come nella vita, e il pensiero che fosse proprio lui, dietro la macchina da presa, a trasmettere questa visione al nuovo che avanza poteva essere certamente un elemento aggiunto per la serie cinematografica. Lo stesso attore aveva annunciato in precedenza la sua candidatura alla regia.

Tuttavia, come sostiene la rivista Variety, dopo un incontro tra i produttori e i due attori, si è deciso invece di trovare un’altra forza fresca da aggiungere alla squadra. Quella ricerca si è poi tramutata in un nome ben preciso, Steven Caple Jr, colui che sosterrà le corde del ring per le prossime riprese previste in primavera 2018 e basate dalla sceneggiatura scritta dallo stesso Sly e da Cheo Hodari Coker (Luke Cage). Lo stesso Ryan Coogler, inizialmente al timone del primo Creed, dovrebbe prendere parte al progetto nel ruolo di produttore esecutivo, visto il suo impegno nel film Black Panther, in uscita a febbraio. Anche Tessa Thompson sarà presente per il sequel, ritornando nel suo ruolo di Bianca.

“Non potremmo essere più fortunati ed entusiasti della collaborazione di Steven, Sylvester, Michael e dei produttori, per sfruttare il successo di Creed”,

ha dichiarato Jonathan Glickman, presidente della MGM, la casa che, assieme a Warner Bros, porterà avanti la storia.

“La combinazione tra il talento di Steven e la sua visione unica lo rende il regista perfetto per continuare la leggendaria discendenza del franchise di Rocky”.

Lo stesso Steven Caple si dice pronto alla sfida, che riguarda non solo il presente, ma che rispecchia quanto compiuto dai cineasti dell’intera saga, a cominciare da John G. Avildsen.

“È un onore essere parte di un progetto così iconico e lavorare con collaboratori così grandi. Mike, Sly e Tessa sono straordinariamente talentuosi e portano qualcosa di speciale nella cultura di oggi. Non vedo l’ora di unirmi alla famiglia”.

Il capitolo descriverà la turbolenta vita di Adonis, sia dentro che fuori dal ring, tra fama, i problemi continui con la sua famiglia e la costante ricerca del proprio limite con l’obiettivo di diventare una leggenda come il suo mentore. Stallone non ha dubbi. Per riportare lo stesso clima del cult del 1977, c’è bisogno di un autore della stessa età del protagonista.

“Il personaggio di Adonis Creed riflette questa generazione e le sue sfide. Credo che sia importante per il regista essere parte di questa generazione come lo ero nella mia, per rendere la storia il più credibile possibile. Siamo estremamente fortunati ad avere il giovane e talentuoso regista Steven Caple Jr. Sono certo che lui e Michael B. Jordan se la caveranno alla grande”.

Qui sotto invece il tweet dell’attore Michael B. Jordan

Fonte: Variety

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>