Mezzogiorno di piombo

manetti bros, heat

Scopriamo qual è la scena preferita dei Manetti Bros., i registi di Ammore e Malavita, e perché proprio Heat – La Sfida…

Testo Matteo Guizzardi

Con Ammore e Malavita, i fratelli Manetti hanno ottenuto due grandi risultati: sono stati i primi ad aver portato un musical alla Mostra del Cinema di Venezia; hanno completato un’evoluzione artistica che li ha portati a trasformarsi – forse loro malgrado – da registi indipendenti, eroi simbolici delle periferie italiane e delle varie subculture cinematografiche di matrice indie, a cineasti di peso, capaci di raggiungere un vasto pubblico e di influenzare la cinematografia italiana attuale. La loro ultima fatica, primo titolo italiano al box office nel primo weekend di proiezione (con oltre mezzo milione di euro di incassi), è un action in salsa napoletana che strizza l’occhio a Grease ma in cui sono le canzoni di Raiz degli Almamegretta e Pino Mauro, oltre alle musiche di Pivio e Alde De Scalzi, ad accompagnare i momenti fondamentali ed emotivamente più forti della storia. E naturalmente si avverte netta l’influenza che il cinema americano degli anni ‘80 e ‘90 ha avuto sui due cineasti romani.

manetti bros, heat

Noi di Empire Italia abbiamo quindi chiesto a loro quale sia la scena di un film a loro caro che avrebbero voluto girare in prima persona. Quale scena, cioè, abbia suscitato in loro un po’ di sana invidia registica. La loro risposta è unanime e immediata: “Si tratta senza dubbio della sparatoria dopo la rapina in The Heat – La Sfida in cui Robert De Niro, Val Kilmer e Tom Sizemore, armati di fucili d’assalto, ingaggiano un feroce scontro a fuoco con la polizia fuori da una banca di Downtown Los Angeles. Ogni volta che la vediamo è impossibile non pensare ‘Quanto vorrei girare una scena così!’ Quello che ci colpisce è l’incredibile realismo che Michael Mann è riuscito a donare a una sequenza così enfatica, esagerata e sopra le righe. Ogni volta che la guardi ti trovi lì, seduto davanti allo schermo, e ti sembra quasi di sentire le vibrazioni dei proiettili, hai persino paura di essere colpito da quanto è realistica. Mann è riuscito a girare una scena di rapina in mezzo a una città che sembra una scena di un film di guerra. Straordinario”.

manetti bros

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>