I film più iconici tratti dai romanzi di Stephen King: Carrie – Lo Sguardo Di Satana

Una scena di Carrie - Lo Sguardo Di Satana, di Brian De Palma

Deve esserci stato qualcosa di magico nell’alchimia tra il romanzo di Stephen King, il primo della sua fenomenale e lunghissima carriera, e il talento registico e narrativo di Brian De Palma. Un’alchimia che ha fatto scattare tutti i clic possibili in un colpo solo e ha permesso a Carrie – Lo Sguardo Di Satana di diventare una pietra miliare dell’horror ma anche delle trasposizioni kinghiane in generale. Carrie, in concomitanza con l’inizio delle mestruazioni, un fatto cruciale e delicato che la aggredisce come una tempesta a sorpresa nelle docce comuni tra le ustionanti prese in giro delle sue compagne, ottiene lo sconvolgente potere di muovere gli oggetti con la sola forza del pensiero.

Una scena di Carrie - Lo Sguardo Di Satana, di Brian De Palma

Da quel momento la ragazzina cerca di trovare un suo spazio nel mondo che la circonda,e per un momento sembra che alla fine possa anche farcela, ma le cose evolvono in modo spietato e imprevedibile. La storia di Carrie, una ragazzina che non riesce a integrarsi nella sua scuola e che sconta il peso di tutte le costrizioni a cui la madre, una fondamentalista ossessionata dalla religione fino alla follia, la sottopone da sempre, è l’occasione per raccontare una vicenda di oppressione e di confronto tra un personaggio ingenuo e vulnerabile e un mondo esterno colmo di banale e gratuita crudeltà. Sono solo compagni di scuola della protagonista, eppure le cattiverie che i suoi coetanei infliggono a Carrie li fanno sembrare mostri della peggior specie, molto più terrificanti di quelli scaturiti da qualche fiaba gotica o da qualche incubo fantasy.

Una scena di Carrie - Lo Sguardo Di Satana, di Brian De Palma

Quando scatta la grandiosa e agghiacciante sequenza finale sembra di assistere allo scoppio di una bomba nucleare, con Carrie che, impazzita per l’ennesima e sconcertante delusione della sua esistenza già carica di repressioni e abissali cicatrici, scatena la sua vendetta senza più freni o distinzioni, come se tutta la malvagità che la vita le ha riversato addosso per tanti anni non avesse fatto altro che caricarla a molla aspettando solo la resa dei conti finale, con qualunque pretesto, in qualunque modo, per liberare una furia ormai incontenibile e ripagare il mondo con la stessa moneta. Inesorabilmente trascinato dalla eccezionale regia di De Palma e dalle clamorose performance del cast, su cui svettano Sissy Spacek nei panni della protagonista e Piper Laurie in quelli della madre, il film assomma in sé l’elaborazione del travaglio psico-fisico dell’adolescenza e la sua trasfigurazione nella dimensione narrativa di un horror che è anche dramma e racconto di formazione, destinato però a un finale apocalittico e irripetibile che, come l’intero film, è del tutto fuori dagli schemi.

Una scena di Carrie - Lo Sguardo Di Satana, di Brian De Palma

[su_divider top=”no”]

A proposito di film iconici tratti dai romanzi di Stephen King, è previsto per il 10 agosto l’arrivo nei cinema italiani dell’attesissimo La Torre Nera di Nikolaj Arcel, primo film ispirato al fortunato ciclo di romanzi fantasy-horror-western scaturito dalla penna del Re. Se anche voi siete impazienti di scoprire questa epica storia di magia, vendetta, potere e coraggio con l’attore Idris Elba (Star Trek Beyond, Thor: Ragnarok, Avengers: Age of Ultron) nel ruolo del protagonista Roland Deschain e il Premio Oscar Matthew McConaughey (Interstellar, Dallar Buyers Club, Mud) in quello del diabolico super-villain, l’Uomo in Nero, qui sotto trovate il trailer ufficiale del film.

 

Per maggiori informazioni: La Torre Nera – Il sito ufficiale del film.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>