Dal 24 giugno al 2 luglio, Bologna è “caput mundi” del cinema

Dal 24 giugno al 2 luglio, Bologna è “caput mundi” del cinema
Merito della trentunesima edizione del festival Il Cinema Ritrovato, organizzato dalla Cineteca e forte di un programma imperdibile.

Da domani al 2 luglio, Bologna torna a essere il paradiso dei cinefili di tutto il mondo. Merito del festival Il Cinema Ritrovato, rassegna organizzata dalla Cineteca di Bologna che da 30 edizioni (domani si inaugura la trentunesima) apre una finestra magica e irripetibile sul cinema delle origini e su quello dell’età dell’oro della pellicola, riscoprendone capolavori perduti e riportandoli in vita grazie a un sapiente lavoro di restauro che ci invidiano in tutto il globo.

È davvero enorme e sconfinato il programma di proiezioni ed eventi che coinvolgerà non solo Piazza Maggiore, il più prestigioso salotto della città (dove fino al 5 agosto la Cineteca presenta anche il suo ricco ciclo di visioni estive Sotto le stelle del cinema), ma anche 6 sale cinematografiche – le due Lumière, Arlecchino, Jolly, Auditorium, Cervi – e in altre location di prestigio. I 100 anni di Robert Mitchum e della Rivoluzione russa (che sarà in Piazza Maggiore con la proiezione della Corazzata Potemkin), i 50 anni di film cult come Il laureato, Bella di giorno e Monterey Pop, i 40 anni della Febbre del sabato sera, i 40 anni dalla scomparsa di Roberto Rossellini e del suo ultimo film, realizzato durante la costruzione del Centre Pompidou a Parigi.

È insomma un’edizione di grandi anniversari quella che attende tutti gli appassionati che stanno già affollando il capoluogo emiliano da ogni angolo del mondo (100mila gli spettatori dello scorso anno) e che si godranno la visione di film dal mattino a notte fonda. Un festival che si avvale di un comitato scientifico che raccoglie un ventaglio internazionale di curatori, tra i quali i Premi Oscar Martin Scorsese, Alexander Payne e Kevin Brownlow.

Moltissimi gli ospiti che si uniranno anche quest’anno ai cinefili da 50 Paesi nel mondo: Marco Bellocchio, Bernardo Bertolucci, Nanni Moretti, Dario Argento, Costantin Costa-Gavras, icone della Nouvelle Vague come Jacques Rozier e Agnès Varda (accompagnata dall’artista francese JR), due maestri del documentario americano come il decano D.A. Pennebaker e lo sperimentatore Bill Morrison. Il programma completo del Cinema Ritrovato è disponibile a questo link.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*