Ryan Gosling parla di Blade Runner e Blade Runner 2049

Ryan Gosling parla di Blade Runner e Blade Runner 2049

Nonostante il generoso sguardo fornitoci dal full trailer, è impossibile non smaniare per vedere e sapere qualcosa di più su Blade Runner 2049. Del resto, con un cast e un team creativo e tecnico come quello messo insieme per l’ambiziosissimo sequel sarebbe strano il contrario. Il gusto per la sfida è una cosa fondamentale, ma sono pochi i film che lo tengono presente e lo inseriscono tra le loro priorità. Quello di Denis Villeneuve è senz’altro il campione di questa categoria.

Ma anche se per un nuovo trailer dovremo aspettare, può essere che il pesante sipario di segretezza che copre il film ogni tanto si sollevi per un istante e ci lasci vedere oltre, magari sentire qualche parola da chi a questo film ha lavorato in prima persona e da protagonista.
Ryan Gosling, che interpreta l’agente K della Blade Runner, ha rilasciato alcune dichiarazioni all’Hollywood Reporter nel corso della CineEurope Presentation della Sony, tenutasi a Barcellona. Gosling ha così parlato del suo rapporto col film originale, che vide per la prima volta a 14 anni.

C’è una ragione se è iconico. È un film molto profondo, potente e persistente. Ti lascia con più domande che risposte e, quando ero ragazzino, non ero abituato a questa cosa. Ero abituato a cose che fossero cucite insieme apposta per me. È stato eccitante, come fan, sapere che alcune di quelle domande potrebbero trovare risposta, e tornare in quell’universo, esplorare quel mondo e vedere come sono evolute le cose.

Sul sequel, Gosling non svela nulla se non un dettaglio che tanto dettaglio non è, e riguarda l’atteggiamento del regista, Denis Villeneuve, che è stato

molto leale nei confronti dell’originale, ma allo stesso tempo non ne era intimidito.

Non sono gli spoiler sulla trama quelli che ci servono ora, ma dichiarazioni come questa. Blade Runner non sarebbe mai diventato l’oggetto di culto che è senza una forte personalità, se il sequel vuole sperare di avere un successo autentico e duraturo non deve certo essere da meno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*