Sylvester Stallone e la ricerca degli eroi

Sylvester Stallone e la ricerca degli eroi

Un mito ne sa riconoscere subito un altro, se lo vede, e forse è ciò che è successo tra Sylvester Stallone e il film del Marvel Universe in cui stiamo per rivederlo in azione, I Guardiani Della Galassia Vol. 2. Oltre infatti alla presenza di Kurt Russell nel sequel firmato da James Gunn, sappiamo che anche il buon Sly avrà una parte, sia pure contenuta, nell’atteso cinecomic.

In una recente conferenza stampa dedicata al film, Stallone ha spiegato le ragioni che lo hanno spinto a entrare nell’Universo Marvel. Ecco le sue parole (via Screen Rant):

Molto presto nella mia carriera sono rimasto affascinato dalla mitologia. ‘L’eroe dai mille volti’ di Joseph Campbell e cose del genere. Quando ho cominciato a fare Rambo sono giunto alla conclusione che c’è un’evoluzione. Ogni generazione deve trovare se stessa, definire i propri eroi, definire la propria mitologia. E il Marvel Universe è la mitologia di questa generazione – e forse anche della prossima. E quando Kevin [Feige] mi ha invitato a bordo ho detto, ‘Questa cosa è interessante, perché non ci sono mai stato. Sono in un certo senso bloccato sulla Terra. Sono terrestre. Questo è qualcosa che avviene in una sfera del tutto diversa in cui James [Gunn] e le persone della Marvel hanno creato il loro mondo, la loro realtà.’ Così ho detto, ‘Sì, facciamo un giro, lasciatemi cadere in questa cosa e vediamo che succede, dove sta andando il futuro.’ Ed è stato grande, mi ha portato lontano da casa, lontano dalle mie tre figlie. E questo è il motivo per cui ho dato a loro la mia paga.

Sarà anche vero che ogni generazione deve trovare i suoi eroi, ma ci sono eroi che durano talmente tanto nel tempo da rispecchiare svariate generazioni in un’unica grande platea ideale. Per esempio quelli di Stallone. Non solo Rocky e Rambo sono arrivati fino ai giorni nostri con la loro mitologia intatta, ma hanno anche riaffermato la loro attualità, anche se magari non rappresentano la prima scelta dei giovanissimi e hanno attraversato periodi di oblio quasi totale. Anche gli Expendables hanno rilanciato i miti di un tempo, a ben guardare.

In realtà, tutti gli anni’80 sembrano più vivi che mai, con franchise e icone sparse che resuscitano continuamente. Certo però oggi la tecnologia impone aggiornamenti continui che 30-40 anni fa erano impensabili, ma nessuno esclude che i nuovi eroi siano costruiti sugli stampi dei vecchi. Tra miti ci si aiuta.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*