Ringiovanire Ripley in digitale? Il parere di Ridley Scott

Ringiovanire Ripley in digitale? Il parere di Ridley Scott

Difficile dire cosa sia meglio, un volto pieno di tiranti che sa di chirurgia estetica lontano un miglio o un altro ringiovanito digitalmente? Di recente Rogue One ha dimostrato che gli effetti visivi possono anche riportare in vita i morti, sia pure solo su schermo. Ringiovanire non è più un’utopia, ma l’esecuzione raramente è del tutto convincente. Uno degli esempi più riusciti è Robert Downey jr. in una scena flashback di Captain America: Civil War. Si potrebbe obiettare che un film lo si può scrivere in modo da non dover ricorrere a questi trucchi, ma come la mettiamo con la crescente quantità di prequel?

Se si fanno tanti film ambientati anni o decenni prima dei fatti raccontati in altri film la tentazione di riportare in scena qualche personaggio iconico ringiovanito diventa più pressante. E se non sono quelli della produzione a volerlo c’è sempre la possibilità che l’input parta da qualcun altro. Un po’ come è successo a Ridley Scott, che in questo periodo è impegnato a promuovere il suo Alien: Covenant.

Essendo il nuovo episodio del franchise un prequel, e a sua volta un seguito di Prometheus, era inevitabile che prima o poi qualcuno si chiedesse dove era a quei tempi Ripley, l’iconica astronauta combattente di Sigourney Weaver. Quando hanno chiesto il parere di Scott sull’eventualità di, in futuro, riportare il suo celebre personaggio in scena dopo averne digitalmente sincronizzato l’aspetto fisico, il regista britannico ha così risposto:

Si potrebbe.

Breve ma cristallino, Scott è aperto all’ipotesi di sfruttare la risorsa. Dato che in programma ci sono diversi altri episodi del franchise di Alien un domani l’affare potrebbe davvero andare in porto, ma un revival poggia anche sulla consapevolezza che dietro il make-up digitale c’è comunque l’attore storico in persona. Chissà cosa pensa la Weaver dell’idea…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*