Marc Webb: “I miei Spider-Man? Ne vado fiero”

Marc Webb: “I miei Spider-Man? Ne vado fiero”

Non manca molto al nuovo Spider-Man: Homecoming e, come sempre succede quando un eroe tanto popolare sta per essere collaudato in una nuova incarnazione, ci si ferma un momento a fare il punto e riflettere sulle precedenti. Marc Webb, il regista dei due film con protagonista Andrew Garfield, ha avuto occasione di dire la sua su quell’esperienza e su come è stata recepita.

È difficile per me pensare a quella vicenda, in termini di pentimento. Ci sono così tante cose di cui sono orgoglioso. C’era tutta un’ambizione col secondo film, in particolare. L’idea che si tratta di un supereroe che non può salvare tutti è qualcosa di cui vado davvero orgoglioso. Sono davvero orgoglioso dell’ambizione insita in quella cosa perché è un messaggio importante, e in cui credo. Credevo in quello che cercavamo di fare. Sono film molto, molto difficili da produrre. Sono complessi in un modo che la gente non capisce del tutto. Non sono stati dei disastri.

Webb ha anche parlato di come il rapporto di lavoro con lo studio sia stato buono

Se parliamo di rammarico, non mi viene da pensarci in questi termini. Mi sono sentito davvero, davvero fortunato ad avere quell’opportunità. È una cosa che riguarda tutta un’altra conversazione troppo lunga e intima che probabilmente non avrei dovuto avere pubblicamente. Volevo bene a tutti quelli coinvolti. Davvero. Non ho avuto una relazione ostile con lo studio, per niente. C’erano un sacco di persone molto intelligenti. Questi sono semplicemente film estremamente complicati da fare. Ne sono orgoglioso in molti modi, e li difendo. Non sono certo una vittima, in questa storia.

Il lavoro di Webb su Spider-Man rimane, se ragioniamo in termini di franchise che continuano e di trilogie, una di quelle serie incompiute, come i Batman di Tim Burton e di Joel Schumacher, o gli Hellboy di Guillermo Del Toro. Ma è bello sentire che il regista è ancora dalla parte della sua opera, senza rinnegare la direzione presa a suo tempo. Ora resta da vedere se e come il nuovo Spider-Man di Tom Holland traghetterà il personaggio e il brand in nuovi ed eccitanti territori.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*